Daniela Padelli

Daniela Padelli

A Daniela piace definirsi “un’artista dilettante che dipinge per diletto”.
Il suo amore per l’arte lo dimostra appena adolescente quando inizia a dipingere frequentando per tre anni un corso di disegno con Agnese Galbiati, qualificata insegnante dell’Accademia di Brera di Milano.
La laurea in matematica, il lavoro e le esigenze familiari, l’hanno più volte costretta a confinare l’arte in spazi minori, ma la sua passione è comunque cresciuta e maturata negli anni, appoggiata periodicamente anche da corsi di formazione.
Fra i tanti frequentati: i corsi di pittura a olio con Achille Zoccola, Carlo Ciceri e Vittorio Martinelli, quelli di acquerello con il pittore Angelo Bellini e con Francesco Fontana e Sabine Blomquist. Ha inoltre frequentato un corso di incisione a Venezia sotto la guida della nota artista Florence Faval, conseguendo la qualifica di Incisore Tradizionale.


I soggetti preferiti delle sue opere sono le montagne, i paesaggi della sua terra natia e le nature morte. Ultimamente, realizza anche pitture astratte con tecniche miste assai originali: juta, terre naturali e tela di canapa. Nella scelta delle tinte e delle forme, Daniela esprime la sua personalità forte e volitiva: la sua tavolozza non ammette mezze tinte, è colorata e vivace ed esprime l’amore incondizionato per la vita e la natura.

Negli ultimi anni, la produzione delle sue opere si è radicalmente trasformata per avvicinarsi ad un’arte astratta ed essenziale, che attinge direttamente alle teorie matematiche. In questo modo, Daniela, è riuscita ad unire la passione di sempre alla sua attività professionale.
Nel 2009 Daniela apre a Lecco, nel rione di  Pescarenico, una galleria d’arte: spazioD. É questo uno spazio polifunzionale dove Daniela e la figlia Cinzia organizzano e ospitano mostre di pittura, presentazioni, incontri e laboratori.